Integratori a base di Glutatione: Proprità e benefici

Indice dei contenuti
Integratori a base di Glutatione

L’integratore con glutatione contiene un elemento completamente naturale, che viene già prodotto all’interno dell’organismo, da parte del fegato per la precisione e che in natura si può ritrovare dentro molti cibi, come alcune tipologie di carni, frutti e verdure. Chimicamente, il glutatione è un tripeptide. Composto da vari tipi di amminoacidi, come la glicina, il glutammato e la cisteina.

Lo scopo di questo integratore alimentare è quello di apportare all’interno dell’organismo delle sostanze antiossidanti in modo naturale, stimolando la sua produzione da parte dell’organismo. Inoltre, è una sostanza indispensabile all’interno degli organi, permettendo di supportare la salute dei tessuti e permettendo la loro corretta riparazione e rimarginazione, inoltre permette la corretta assimilazione delle proteine e la loro sintesi, supportando anche le naturali difese dell’organismo.

All’interno delle cellule, infatti, riesce a supportare la loro corretta funzione, aiutando in questo modo anche i pazienti che vengono sottoposti a dei trattamenti chemioterapici, ma anche per supportare in caso si assumano farmaci per il diabete o la dialisi in seguito a una grave anemia, ma anche per andare incontro a delle problematiche collegate alla fertilità negli uomini.

Oltre all’assunzione tramite integratore alimentare, il glutatione può essere utile come trattamenti inalatori per riuscire a trattare delle malattie a carico dei polmoni. Per la precisione, il glutatione contenuto all’interno degli integratori alimentari è un enzima con delle fantastiche proprietà antiossidanti, ideale per supportare il benessere all’interno di qualsiasi tipo di organismo. All’interno del corpo umano, ad esempio, viene prodotti in maggior quantità dal fegato e non è necessario assumerlo in grandi quantità all’interno della propria alimentazione.

A cosa serve il glutatione

Un integratore a base di questo importante principio attivo è indispensabile per l’organismo e per proteggere le cellule dall’ossidazione, grazie alla sua funzione che contrasta i radicali liberi, che vengono prodotti a causa di agenti esterni ed interni, e in grandi quantità possono essere dannosi per l’organismo.

Inoltre, la sua azione è indispensabile per il fegato, che è l’organo adibito al filtraggio delle tossine che provengono dal metabolismo energetico e intestinale. Quindi, per riuscire poi a neutralizzare le tossine che si depositano all’interno del fegato, è necessario poi che si seguano differenti fasi, per permettere in questo modo la corretta disintossicazione.

La salute del fegato è strettamente collegata a quella del resto dell’organismo, in quanto la quasi totalità delle tossine all’interno del corpo vengono eliminate proprio da quest’organo, permettendo la disintossicazione.

Durante questa fase per eliminare le tossine, disintossicando in questo modo il fegato e tutto il corpo, vengono prodotti dai vari processi chimici e reazioni all’interno dell’organismo molti radicali liberi, che vanno a consumare direttamente il glutatione naturalmente presente all’interno dell’organismo.

Solitamente, quando le scorte di questo enzima sono sufficienti, riescono a contrastare nel modo corretto i radicali liberi, ma se non fosse sufficiente, il fegato non riuscirebbe a disintossicarsi nel modo corretto, creando così del malessere per l’organismo e anche dei danni sul lungo periodo. Infatti, quando il glutatione non è sufficiente, il fegato sarà più esposto all’ossidazione e ai danni causati dai radicali liberi, in questo modo potrebbero crearsi anche danni a livello epatico, che potrebbero diventare molto gravi.

Lo scopo degli integratori di glutatione

Per riuscire a supportare nel modo migliore il fegato e la sua depurazione nel modo corretto, evitando di andare incontro a una perdita eccessiva di glutatione, gli integratori alimentari vanno incontro alle esigenze dell’organismo, evitando in questo modo gravi danni.

Però, è anche molto importante sapere quand’è il momento migliore per iniziare a utilizzare questi integratori alimentari, evitando in questo modo di andare a sovraccaricare eccessivamente il fegato, assumendoli soprattutto all’interno di una dieta sana ed equilibrata, evitando problematiche e gli effetti collaterali che potrebbero arrivare dopo un’assunzione corretta.

Integratori a base di Glutatione - Proprità e benefici

Infatti, quando si assume questa tipologia di integratori alimentari è consigliato evitare di consumare eccessivi cibi fritti, grassi o poco sani, come superalcolici o fumare. Inoltre, è sempre importante ricordare che è sconsigliato assumere qualsiasi tipologia di alcool se si hanno delle problematiche collegate al fegato, evitando di sviluppare gravi patologie.

Se però si inizia ad assumere questo integratore per supportare l’alimentazione tenendo in considerazione anche tutte le eventuali problematiche e attenendosi nel modo migliore a un corretto stile di vita e le dosi corrette per il trattamento, si potrà evitare in questo modo di sviluppare eventuali effetti collaterali.

Inoltre, il glutatione assunto tramite integratori può essere particolarmente utile se si assume per un lungo periodo una determinata terapia farmacologica, come gli antibiotici o quelli a base di paracetamolo, permettendo di evitare un sovraccarico sul fegato.

I benefici di questi integratori

Oltre che per sostenere sporadiche terapie farmacologiche prolungate, il glutatione può essere utile da assumere nei periodi dove si mangia in modo meno regolare e si beve di più, evitando in questo modo di affaticare eccessivamente il fegato, come ad esempio durante i periodi festivi, quando mangiamo con meno controllo e non siamo più attenti a seguire la dieta.

Un altro momento durante la quale il nostro organismo, e specialmente il fegato, hanno più necessità di supporto, inoltre, è durante i cambiamenti stagionali, quando il corpo fa più fatica ad eliminare le tossine contenute al loro interno. Inoltre, il glutatione all’interno degli integratori, assunto oralmente, può essere molto utile anche per riuscire a contrastare varie problematiche legate alla vista, come il glaucoma, l’invecchiamento della retina e la cataratta, che si possono sviluppare anche e soprattutto in caso ci fosse in corso un abuso di alcool.

Ma non solo, infatti, viene consigliato anche nel caso di patologie cardiache o livelli di colesterolo troppo alti, ma anche per la fatica di tipo cronico e l’affaticamento mentale, supportando in questo modo la memoria e l’apprendimento, evitando patologie a carico della mente e molte altre problematiche.

Tra i suoi tanti benefici, questo integratore viene anche consigliato ai malati di aids, per riuscire a mantenere i corretti livelli dell’organismo. È importante dire, però, che essendo unicamente un integratore i suoi benefici sono completamente soggettivi e non esistono ad oggi abbastanza dati da poter confermare i suoi benefici dopo un trattamento prolungato.

Gli effetti collaterali del glutatione

Come per tutti gli integratori alimentari venduti in Italia, prima di essere messi in commercio devono superare rigidi test sulla sicurezza, quindi, seguendo il trattamento indicato su ogni confezione, questo rappresenta un prodotto sicuro per l’organismo umano e senza effetti collaterali gravi.

Inoltre, non sono stati registrati degli effetti in relazione all’assunzione di sostanze o farmaci. Però, allo stesso tempo, sono davvero poche le informazioni registrate fino ad oggi sugli effetti di questo integratore sull’organismo, dei benefici come degli effetti collaterali.

Per via di queste poche informazioni, infatti, è sconsigliata l’assunzione di questo prodotto a scopo alimentare alle donne in gravidanza o durante l’allattamento, consigliando sempre un consulto al proprio medico curante prima di iniziare con la sua assunzione.

Una controindicazione su questo prodotto, inoltre, è evitare la sua assunzione con prodotti inalatori per i soggetti asmatici, in quanto potrebbe acutizzare alcuni sintomi, peggiorando il disturbo respiratorio.

Questo prodotto è un antiossidante completamente naturale, ideale per supportare il fegato e permettere la corretta depurazione, eliminando nel modo migliore le tossine, evitando un sovraccarico dell’organo. Per questa ragione, numerosi studi hanno dimostrato che il glutatione è molto utile anche per supportare il sistema immunitario e proteggere le cellule. Grazie a un integratore specifico a base di questo enzima, seguendo sempre il trattamento consigliato, è ideale per supportare complessivamente la salute dell’organismo.

I suoi vantaggi

Il glutatione è prodotto naturalmente dall’organismo grazie alla reazione di tre differenti tipologie di amminoacidi, conosciuto con il nome di tripeptide. In questo modo, si crea la perfetta combinazione per riuscire a contrastare nel migliore dei modi i radicali liberi, che sono i principali responsabili dell’ossidazione cellulare.

Inoltre, è molto utile per riuscire a depurare il fegato, eliminando anche i metalli, il piombo, il mercurio e l’alluminio che si assume attraverso l’alimentazione di cibi non provenienti da agricoltura biologica, riuscendo definitivamente ad espellerli dall’organismo.

Questo integratore, infatti, riesce a potenziare questa capacità anche grazie alla presenza dello zolfo al suo interno, che elimina le tossine e i radicali liberi che trova nel corpo, supportandolo e migliorando le sue naturali difese immunitarie.

Inoltre, alcuni studi hanno dimostrato che il glutatione è molto utile anche per riuscire a supportare la ripresa dell’organismo dopo del movimento intenso. A causa della scorretta alimentazione, o l’esposizione eccessiva all’inquinamento, la produzione di questa sostanza può essere compromessa, oltre che dopo una terapia farmacologica prolungata.

Ma non solo, infatti i corretti livelli di questa sostanza possono essere ristabiliti e aumentati anche in modo completamente naturali, grazie a degli alimenti che ne contengono in grandi quantità.

Alimenti ricchi di glutatione

Gli alimenti che sono naturalmente ricchi di questo enzima, sono preziosi a tavola per permetterci di supportare nel modo migliore non solo il fegato, ma anche l’organismo, è importante però sapere dove riuscire a trovarlo, integrandolo in questo modo al meglio nell’alimentazione.

È infatti importante, se non si desidera ricorrere agli integratori alimentari, integrare questi cibi giornalmente, assumendo in questo modo il fabbisogno ideale, andando incontro alle esigenze del proprio organismo.

Integratori con Glutatione

Il super food in assoluto più ricco di questo composto, è l’asparago, conosciuto infatti anche per le sue fantastiche proprietà antitumorali, ma anche il cocomero, le pesche e gli spinati, o l’avocado e le carote sono preziosi per assumere questo elemento nell’alimentazione, variandola anche notevolmente.

AlimentoPresenza di Glutatione (mg/100g)*
Asparago10,72
Avocado10,42
Broccoli0,12
Carota0,12
Cavolfiore0,18
Cetriolo3,78
Uva0,40
Fagioli Verdi7,07
Pepe Verde0,25

*Questi dati vengono riportati dal portale PubMed, è possibile trovare maggiori informazioni a questo link.

Inoltre, per incrementare l’attività di questi elementi e farli lavorare in sinergia per ottenere il massimo per l’organismo, è importante anche conoscere i giusti abbinamenti, come per esempio quelli con il pesce, che contiene al suo interno il selenio, e altri importantissimi Sali minerali.

Ma anche lo zolfo, prezioso in sinergia con il glutatione, che possiamo trovare all’interno di aglio e cipolle, ma anche le vitamine del gruppo b e l’acido folico, ma anche tutte le vitamine con preziosi effetti antiossidanti, come la c e la e. Lo stile di vita corretto, inoltre, è complessivamente importante, in quanto anche l’attività fisica è indispensabile per riuscire a supportare la naturale produzione da parte dell’organismo del glutatione.

Articoli Correlati

Cos'è l'ansia da rientro al lavoro
Benessere

Cos’è l’ansia da rientro al lavoro

L’ansia da rientro al lavoro è una condizione che moltissime persone, dopo un periodo di lontananza dal lavoro, vivono spesso nell’arco della propria vita lavorativa.

Perché fa bene camminare spesso
Fitness

Perché fa bene camminare spesso?

Camminare spesso è un’attività semplice, ma che porta all’organismo un gran numero di benefici che possono giovare a vari aspetti del corpo, migliorando in questo

A che servono le mascherine FFP3?

Le mascherine FFP3 sono dei dispositivi ampiamente utilizzati, specialmente negli ultimi anni, per contrastare tutte quelle che sono le diverse infezioni batteriche che possono minare