Punti Bianchi sul Viso: Cause, Rimedi e Trattamenti Efficaci

Indice dei contenuti
Punti-Bianchi-sul-Viso

I punti bianchi, conosciuti anche come grani di miglio o comedoni chiusi, possono presentarsi sul viso o su altre parti del corpo, e sono dei minuscoli inestetismi che possono dipendere da differenti fattori.

Presentandosi come delle piccole cisti in superfici sulla pelle, spesso vengono confusi con dei brufoli e quindi vengono erroneamente schiacciati, non ottenendo nulla se non un’irritazione della pelle e un’infiammazione della ciste, aumentando in questo modo spesso le sue dimensioni e rovinando la pelle creando delle cicatrici. All’interno di queste cisti, è contenuta unicamente della cheratina che fanno sembrare queste imperfezioni della pelle come dei brufoletti tondeggianti.

Sicuramente, queste imperfezioni possono essere molto sgradevoli da vedere e rendono il viso poco uniforme, facendo apparire l’aspetto trascurato. Il nome grano di miglio che viene dato a questi problemi della pelle, e dovuto alla somiglianza che questi puntini hanno con il cereale in questione, che si presenta proprio come dei piccoli puntini.

Per fortuna, questi comedoni chiusi non creano problemi a livello di salute per la pelle del viso, ma comunque a livello estetico non sono ben tollerate e sono difficili da eliminare, inoltre, molto spesso si formano in delle zone del volto che li rende ancora più difficili da eliminare, come vicino agli occhi o nella zona delle guance.

Inoltre, possono comparire in modo indifferente sul volto di uomini e donne e dipende da differenti fattori, nella maggior parte dei casi possono riassorbirsi in maniera autonomo, mentre per altri sarà necessario l’intervento del dermatologo.

Cosa sono i punti bianchi

I punti bianchi, comunemente, possono rappresentare due problematiche diverse; infatti, i comedoni chiusi e i grani di miglio non sono la stessa cosa. Molto spesso, queste due imperfezioni della pelle vengono confuse erroneamente, in quanto davvero molto simili, ma in verità la loro formazione dipende da differenti fattori.

Per eliminare i grani di miglio e i comedoni chiusi, infatti, è anche necessario adoperare due differenti tipologie di trattamento, ma entrambe possono comparire dal nulla e apparire come delle bollicine superficiali, appena sotto il livello della pelle e avere delle dimensioni molto piccole.

Punti-bianchi-sul-Viso-Cause-Rimedi-e-Trattamenti

Inoltre, un’altra caratteristica dei grani di miglio è che raramente si presentano da soli, ma sempre in gruppo come dei puntini bianchi sul viso sotto la pelle. All’interno di questi minuscoli e innocui, anche se poco carini, pallini sulla faccia, è contenuta della cheratina e, nella maggior parte dei casi, sono le donne a presentare questa problematica anche per via della tipologia della propria pelle, maggiormente predisposta a svilupparli.

Solitamente, appaiono nei pressi dei follicoli piliferi della peluria e possono comparire a qualsiasi età, a differenza dei brufoli e di altri problemi di acne che possono essere maggiormente diffusi durante l’adolescenza, questi puntini possono apparire dai neonati agli anziani.

I grani di miglio, solitamente non superano i 2 mm e sono delle formazioni sottopelle che tende a un colorito bianco-giallastro, comparendo solitamente unicamente sulla pelle del viso durante qualsiasi età e non creano alcun problema a livello di salute ne devono preoccupare sotto quel punto di vista.

Come si manifestano

È importante prima di tutto fare delle distinzioni tra i vari tipi di punto bianco che può comparire sul viso, in quanto potrebbe trattarsi di comedoni chiusi, grani di miglio o una forma iniziale di ance non di tipologia infiammatoria, quindi risolvibile facilmente con alcuni trattamenti e attraverso il corretto stile di vita.

Solitamente questi pallini minuscoli vengono trattati anche come delle piccole cisti sottopelle di tipo epidermico, dato che al loro interno è contenuta unicamente della cheratina possono essere molto semplici da rimuovere, anche se è sempre meglio affidarsi al trattamento di uno specialista in un centro estetico o dermatologico specializzato.

Soprattutto perché solitamente queste formazioni possono apparire sul viso anche in zone molto complicate da trattare, come vicino al contorno occhi o sulle palpebre, ma anche sulla fronte, le guance e gli zigomi.

Punti-Bianchi-sul-Viso-Cause-Rimedi-e-Trattamenti-Efficaci

Inoltre, anche sui più piccoli questa problematica può comparire, e anche in questo caso non è assolutamente necessario preoccuparsi se i grani di miglio o i comedoni chiusi appaiono sul viso dei neonati. In questo caso, però, le cause sono differenti rispetto a quando compaiono negli adulti.

Infatti, tra le possibili cause ci possono essere delle variazioni degli ormoni che portano a un’eccessiva cheratinizzazione all’interno della pelle e, solitamente, questi puntini nei neonati spariscono progressivamente in autonomia.

L’importanza della Skin Care

Possono essere varie le cause che portano alla formazione dei comedoni chiusi, conoscerle e approfondirle è anche il modo migliore per trovare i rimedi migliori per eliminare successivamente i punti bianchi che compaiono appena sotto la pelle del viso.

C’è da dire, prima di tutto, che questi inestetismi non sempre hanno una causa chiara e facilmente riconoscibile, ma dobbiamo fare attenzione al nostro stile di vita e alle abitudini durante la propria Skin Care per provare a comprendere la causa di essi. Utilizzare di prodotti per la cura del viso eccessivamente aggressivi, o non prestare abbastanza attenzione alla propria Skin Care, può essere tra le cause principali della comparsa di questi inestetismi.

Sia la mancanza della corretta routine di esfoliazione e detergenza per la pulizia del proprio viso, che l’applicazione costante di alcuni prodotti possono infatti essere la causa di questi puntini. Per questa ragione è sempre molto importante trovare il miglior prodotto per riuscire a trattare la propria pelle in base alle sue caratteristiche, rispettando così la sua delicatezza ed evitando prodotti occlusivi.

Infatti, dei cosmetici che al proprio interno contengono delle dosi elevate di siliconi o formulazioni troppo pesanti per la propria tipologia di pelle, rispettando in questo modo le sue caratteristiche e ricordandosi di detergere quotidianamente il viso, eliminando le impurità ed evitando in questo modo che il sebo in eccesso, il make up e lo smog possano occludere i pori creando in questo modo i comedoni chiusi.

Fattori che portano alla formazione dei grani di miglio

Oltre alla mancata o scorretta skin care, ci sono altri fattori che possono portare alla formazione di queste imperfezioni sul viso, come dei detergenti troppo aggressivi, oppure che eliminano eccessivamente il film idrolipidico necessario per la protezione della pelle, andando in questo modo ad alterare il normale pH cutaneo, disidratando la pelle e creando in questo modo questi puntini.

Infatti, è stato studiato che esiste una stretta correlazione tra la formazione dei puntini, dovuto anche a una problematica collegata a una produzione errata o mancante da parte delle ghiandole sebacee. Inoltre, questi comedoni chiusi o i grani di miglio possono apparire spesso anche sulla pelle durante una cicatrizzazione, come nei casi di trascorsi di acne, escoriazioni della pelle o interventi dermatologici come dermoabrasioni, oltre che nei casi delle ustioni della pelle.

Oltre a queste problematiche sulla quale raramente abbiamo controllo, per riuscire a prevenire la comparsa di queste imperfezioni è anche consigliato evitare un’eccessiva esposizione al sole e alle sue radiazioni, come limitare le lampade per l’abbronzatura e utilizzare sempre in caso il corretto filtro protettivo per il proprio fototipo di pelle, proteggendo in questo modo la pelle nel modo migliore ed evitare bruciature e la disidratazione cutanea.

Raramente durante l’età adulta, la comparsa dei grani di miglio può essere dovuta ad alcune patologie di tipo dermatologico, anche se non è la prima cosa a cui pensare quando vediamo comparire questi piccoli pallini.

Cosa li causa

Ci sono anche varie terapie farmacologiche che, tra i loro effetti collaterali, possono avere la comparsa di questi puntini. Come delle terapie farmacologiche a base di prodotti che all’interno della loro formulazione contengono cortisone, o dopo aver eseguito della radioterapia.

Solitamente, in questi casi i puntini vengono riassorbiti progressivamente dalla pelle quando si smette di assumere questa tipologia di farmaci, in caso di radiazione, invece, devono essere trattati per poterli rimuoverli, migliorando in questo modo anche la salute della pelle che viene spesso danneggiata dal trattamento e dalle radiazioni.

Nei neonati, come abbiamo visto invece, tende ad essere un fenomeno transitorio collegato all’attività ormonale che modifica la produzione del sebo, mentre durante l’adolescenza e in età adulta è causata specialmente dai follicoli piliferi che vengono occlusi, soffocando in questo modo le ghiandole sebacee e accumulando cheratina in determinati punti, creando i grani.

Ricordiamo che questi puntini sul viso sottopelle sono del tutto innocui e per nulla contagiosi se vengono toccati, sono unicamente causati nella maggior parte dei casi di trattamenti troppo aggressivi o esfolianti sulla pelle, oppure con prodotti grassi non adatti alla propria tipologia di pelle, andando in questo modo ad occludere i pori in mancanza della corretta Skin Care.

Come prevenire la loro comparsa

Seppur sono facili da eliminare in modo definitivo, non è detto che non potrebbero comparire nuovamente in differenti punti, per questo la cosa migliore è riuscire a prevenire nuovamente la loro comparsa, prendendosi cura nel modo migliore della propria pelle e utilizzando unicamente i migliori prodotti cosmetici presenti in commercio, evitando in questo modo di danneggiare la pelle.

Un fattore fondamentale per riuscire a prevenire la loro comparsa sembrerebbe essere l’esfoliazione corretta della pelle, che va effettuata unicamente due volte alla settimana, per riuscire in questo modo ad eliminare le cellule morte e le altre impurità che possono occludere i pori, senza andare però, allo stesso tempo, a danneggiare o irritare la pelle.

In questo modo, è possibile riuscire in modo efficace a prevenire la loro comparsa, semplicemente evitando l’occlusione dei pori e mantenendo la pelle perfettamente pulita ed esfoliata, senza dimenticarsi che è indispensabile detergere la pelle ogni giorno, mattina e sera.

Inoltre, vanno anche evitati attentamente alcuni prodotti cosmetici, come trucchi eccessivamente pesanti che possono occludere i pori, evitando il fondotinta ad esempio, o scegliendo attentamente quello di miglior qualità e con un’ottima formulazione se la propria pelle è portata a sviluppare questa problematica.

Fortunatamente, in commercio esistono molte tipologie di cosmetici, come quelli indicati unicamente per la pelle molto secca o grassa, evitando in questo modo di alterare le sue caratteristiche e, in caso si abbiano ulteriori dubbi a riguardo, rivolgersi a uno specialista della cura della pelle è sempre la scelta migliore, approfondendo in questo modo le esigenze del proprio viso.

I rimedi per i punti bianchi

Quando la prevenzione non è sufficiente, è necessario conoscere i rimedi migliori per riuscire a rimuovere i grani di miglio dalla propria pelle, liberandosi in questo modo una volta per tutti di questo spiacevole inestetismo della propria pelle.

Esistono numerosi rimedi venduti in commercio per riuscire ad eliminare questi problemini, ma non sempre sono efficaci e non è detto che siano adatti a tutte le tipologie di pelle. I rimedi più comuni, che sono da svolgere unicamente presso dei centri specializzati, sono una rimozione con il bisturi, semplice e completamente indolore che se svolta da mani esperte e preparate non lascia nessun tipo di cicatrice.

Oppure, è possibile rivolgersi a uno studio estetico per un trattamento con il laser che utilizza la tecnologia co2. Negli adulti, a differenza dei neonati, raramente questi puntini svaniscono da soli, venendo riassorbiti dalla pelle ed è sconsigliato provare a schiacciarli, in quanto non hanno nessun punto di uscita essendo delle cisti.

Inoltre, stressando eccessivamente la pelle tramite la spremitura si rischia di diffondere infiammazioni sottocutanee, oltre che portare numerosi batteri sulla pelle. Dopo questi trattamenti specifici per la rimozione, il dermatologo ci consiglierà di applicare delle creme con formulazioni esfolianti, per riuscire in questo modo a migliorare la grana della propria pelle e minimizzare ogni segno che potrebbe rimanere in seguito al trattamento.

Articoli Correlati