Pelle morta: cause e rimedi

Indice dei contenuti
pelle morta

La pelle morta è una cosa che moltissimi individui riscontrano sul proprio corpo, specialmente in zone come ad esempio i piedi: ci sono moltissime cause che portano alla comparsa di questa condizione particolare della pelle, ed altrettanti rimedi. In generale, la pelle morta è caratterizzata dal fatto che si spella: questo è causato da moltissimi motivi diversi, come la disidratazione oppure un’esposizione al sole non controllata ed eccessiva.

Quando si soffre di pelle che si spella sicuramente si prova dolore ed anche altri fastidi, in quanto la pelle tende a provocare prurito ed in alcuni casi anche a spaccarsi, provocando così anche una fuoriuscita di sangue. Un altro motivo molto comune che porta la pelle a morire è sicuramente l’esposizione ad una detersione troppo aggressiva, facendo bagni e docce troppo bollenti o non utilizzando i prodotti adeguati per il proprio tipo di pelle.

Insomma, non bisogna preoccuparsi quando la pelle inizia a spaccarsi oppure a screpolarsi, in quanto si tratta di una condizione non grave, ma solo fastidiosa, e che può essere risolta seguendo delle strategie giuste e mirate.

Cosa causa la pelle morta?

La pelle morta è una condizione abbastanza fastidiosa, perché può causare, nel soggetto che ne soffre, dolore e fastidio, fino ad arrivare ad un vero e proprio screpolamento oppure al sanguinamento della pelle. In ogni caso, come si è anticipato, sono davvero moltissime le cause che possono portare la pelle ad assumere questo aspetto antiestetico e sopratutto doloroso per chi ne soffre.

Una causa molto comune che porta la pelle a rovinarsi è sicuramente utilizzare un sapone aggressivo per la sua detersione: di fatti, lavare il viso con un detergente troppo sgrassante o anche con il comune sapone per le mani, a lungo andare causa secchezza ed anche desquamazione. Per questa ragione, è molto importante utilizzare un detergente delicato, adatto per una frequenza di lavaggio molto alta: si tratta di un tipo di prodotto che rispetta il microbioma, che è la naturale barriera della pelle.

pelle morta piedi

Un’altra cattiva abitudine che porta allo sviluppo della pelle morta è sicuramente una scarsa idratazione dopo aver fatto il bagno o la doccia: sono moltissime le cose che stressano la pelle, come l’inquinamento ed anche lo smog. Per questa ragione, non solo è necessario detergere in modo attento la pelle, ma anche curare quelli che sono i danni causati da questi agenti: è possibile farlo idratando la pelle con una crema adeguata.

Altri motivi che causano la pelle morta sui piedi

Sono molteplici le ragioni che possono portare allo sviluppo della pelle morta, ed è proprio per questa ragione che è necessario scoprire cos’è che la causa, in modo da agire in modo mirato e attento.Tra le moltissime cause che portano alla desquamazione ed alla secchezza della pelle è possibile menzionare anche la doccia oppure il bagno con acqua estremamente calda oppure troppo calcarea.

Dunque, per non avere la pelle dei piedi morta, è importante non lavarli con l’acqua troppo calda oppure troppo ricca di calcare: successivamente, si consiglia l’applicazione di un impacco sia sui piedi che sulle mani. L’impacco per idratare la pelle deve rimanere in posa per un periodo che va dai dieci minuti ai quindici minuti, e poi successivamente è necessario rimuovere tutto il prodotto in eccesso: si consiglia di procedere con questo impacco prima di andare a letto.

Successivamente, un altro fattore che porta la pelle a seccarsi troppo è sicuramente la presenza di agenti atmosferici quali la pioggia, il vento ed il sole: questi sono i nemici della pelle, in quanto la rendono molto meno idratata. Per questa ragione ci sono moltissime persone che tornano a casa con la pronte ed il naso spellati: queste sono le zone più esposte agli agenti atmosferici, specialmente ai raggi solari che seccano la pelle.

Attenzione al sole

Le pelle che riveste il corpo è un organo, e proprio come tutti gli altri organi che sono presenti all’interno del corpo, deve essere curata con moltissima attenzione e con l’ausilio dei prodotti giusti. La cosa più importante per preservare la pelle e mantenerla sempre idratata è sicuramente utilizzare una buona protezione solare: il sole, anche se necessario per la vita umana, può provocare moltissimi danni alla pelle.

Quando ci si espone al sole per lungo tempo, ad esempio in vacanza o al mare, i raggi solari, che sono raggi ultravioletti, colpiscono la pelle: da un lato, questo causa l’abbronzatura, grazie all’aumento di melatonina, ma dall’altra parte, questo causa l’invecchiamento precoce della pelle. Il sole, infatti, secca la pelle attraverso i suoi raggi, portando ad una precoce formazione delle rughe e anche alla comparsa di macchie solari, ustioni oppure scottature.

Per questa ragione, per evitare che la pelle si secchi troppo e muoia in alcune zone del corpo, è necessario coprirle con la protezione: si consiglia una protezione alta almeno nei primi giorni di esposizione al sole. Nei giorni successivi, invece, si può consigliare con un filtro solare più basso, in quanto la pelle ha già cambiato il suo colorito per adattarsi all’intensità dei raggi solari.

Come tenere la pelle idratata

La pelle morta è causata da una scarsa idratazione della pelle, e proprio per questa ragione è importantissimo fare di tutto per tenere la pelle idratata in qualsiasi momento della giornata. Moltissimi studi dermatologici hanno mostrato che le persone che tengono la propria pelle ben idratata riescono a preservare la pelle molto più giovane ed elastica per un tempo molto più lungo rispetto a coloro che non la curano.

Può sembrare scontato, ma la primissima cosa che bisogna fare per preservare la pelle idratata ed elastica è sicuramente bere un quantitativo sufficiente di acqua ogni giorno. Secondo i medici di tutto il mondo, ogni individuo deve consumare almeno un litro e mezzo o due di acqua ogni giorno, per tenere sia gli organi che la pelle ben idratati.

Successivamente, per preservare l’elasticità della pelle, insieme alla sua idratazione, non si può non utilizzare delle creme idratanti: si tratta di creme che possono essere trovate sia al supermercato che in negozi specializzati in cosmetici o nelle profumerie migliori. Grazie a queste creme, la pelle può ottenere tutto il nutrimento e l’idratazione dei quali ha bisogno per rimanere elastica e giovane per molto più tempo.

Come togliere la pelle morta

Se nonostante si tenga la pelle ben idratata e si indossi la protezione solare ogni volta che si esce casa, si soffre ugualmente di pelle secca, morta oppure screpolata, allora è necessario capire come togliere la pelle morta senza causare danni alla propria cute. Generalmente, i dermatologi di tutto il mondo, consigliano di procedere con una delicata esfoliazione per eliminare quella che è la pelle morta che non si stacca dal corpo. 

Per quanto riguarda il corpo, dunque, si consiglia di optare per uno scrub che al suo interno contenga dei grani medi, mentre invece per il viso si consiglia l’utilizzo di uno scrub che all’interno contenga dei grani più piccolini. Lo scrub può essere comperato al supermercato, ma anche in profumerie o negozi di cosmetici: tuttavia, è possibile crearlo anche il casa, utilizzando prodotti come ad esempio lo zucchero e l’olio d’oliva.

Invece, per quanto riguarda come togliere la pelle morta dai piedi, si consiglia di effettuare una pedicure presso un centro estetico specializzato: in questo caso, l’operatore procederà con un trattamento che rinvigorisce la pelle dei piedi, eliminando tutta la pelle morta ed anche i calli. Invece, qualora non fosse possibile recarsi in un centro estetico, si consiglia di procedere con l’esfoliazione della zona subplantare con una pietra pomice, almeno una volta alla settimana.

 

Articoli Correlati